Piacenza Palazzo Gotico completo

0 out of 5

95,00

L’idea in forma Virtuale. Il Palazzo Gotico nella sua completezza. (progetto Arch. Marcello Spigaroli).

Availability: Disponibilità: 30 COD: 1725-1 Categoria:
1 ordini negli ultimi 30 giorni
152
  • Descrizione

Descrizione

Palazzo Gotico a Piacenza secondo l’ipotesi del progetto originario.

  • Il Palazzo Gotico di Piacenza è il prodotto di una particolare condizione della città tardomedievale: quella che vede il governo della città stessa posseduto ed esercitato dalle consorterie mercantili e finanziarie di parte guelfa.

Determinante è, al riguardo, l’asse politico che si stabilisce tra le corporazioni guelfe e gli ordini conventuali mendicanti (anzitutto Domenicani e Francescani): il grande intervento di ristrutturazione urbana – che vedrà contemporaneamente realizzati, in pochi anni (1278-1282), la basilica di S. Francesco, la Piazza Grande e il Palazzo – ha come protagonisti la società dei Mercanti e dei Paratici egemonizzata dalla famiglia guelfa degli Scotti assieme ad esponenti della comunità francescana, ai quali importanti studiosi tendono a ricondurre il progetto tecnico delle operazioni architettoniche e urbanistiche compiute.

  • Il Palazzo – la cui costruzione, come si sa, s’interrompe nel 1313, con la dominazione viscontea – avrebbe dovuto svilupparsi su quattro lati attorno a un grande cortile centrale. Ciò è attestato dalle fondazioni, compiutamente realizzate e messe in luce durante i restauri del secondo Ottocento.

  • Il lato principale è quello settentrionale (verso la Piazza Grande) e contiene, al piano superiore, il salone delle assemblee, sorretto dal grande portico ad archi ogivali. Quest’ultimo ha una doppia sequenza di archi e volte: le campate esterne sono rivolte verso piazza e ne rappresentano, di fatto, la continuazione coperta; quelle interne attorniano il cortile. Tra le une e le altre, uno spesso muro con un’unica apertura centrale separava la parte accessibile da quella chiusa e sorvegliata, riservata alle magistrature cittadine.

  • I lati minori, dei quali è rimasto solo l’inizio a est e a ovest, sarebbero stati di altezza inferiore rispetto a quello principale, senza merlatura e con il portico solo all’interno, verso cortile. Avrebbero contenuto lo scalone e la seconda scala, assieme a una sequenza di vani di servizio.

  • Il complesso, nel suo insieme, viene realizzato per contenere le sedi delle magistrature cittadine (Anzianato e Società dei Mercanti), ma anche per proporsi come fulcro dell’intera struttura urbana. Sulla sua area, infatti, affacciano la chiesa di S. Francesco, S. Donnino, S. Simone e Giuda, oltre ad innestarsi l’asse di raccordo con Piazza duomo (Strà Dritta); la facciata orientale del Palazzo – quella cuspidata – fa da quinta alla direttrice che proviene dalla Val Trebbia (via S. Franca); il lato minore meridionale, non costruito, avrebbe costituito l’aggancio con la chiesa di S. Ilario e il tratto urbano della Via Francigena, lungo la quale si erano formati i borghi e i nuovi cittadini che sono all’origine della civiltà comunale piacentina.

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • CookieConsent
  • wc_cart_hash_#
  • wc_fragments_#

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi